Suggestive sculture sottomarine a Bali e Lombok

Coloro che hanno fatto immersioni, avranno notato che sui fondali sono adagiate delle suggestive sculture sottomarine.

Una motocicletta, una sirena, un drago, sono alcune delle sculture sottomarine artistiche che popolano i fondali di Bali e Lombok, e sono frutto di Celia Gergory un’artista ambientalista fondatrice di Marine Foundation

sculture sottomarine a Bali

La Marine Foundation è un’oraganizzazione internazionale con un nuovo approccio per la conservazione marina, dove l’arte è al centro di tutto e catalizzatore per la conservazione e per la gestione sostenibile delle risorse.
La fondazione si occupa di ripristinare l’habitat marino con la creazione di sculture subacquee progettate con metodi innovativi e conoscenze scientifiche.
Le sculture commissionate da clienti e sponsor vengono poste sul fondale per diventare un habitat marino per pesci e coralli.
Ci sono quattro sorprendenti “sculture viventi del mare” accessibili sia da principianti che da subacquei professionisti:

La Dea del Corallo, Pemuteran Bali

La Dea del Corallo, Pemuteran Bali

La Dea del Corallo si trova a Pemuteran nella parte di nord di Bali ed è una delle installazioni del progetto Kerang Lestari per il ripristino della barriera corallina tramite il metodo Bio-Rock.
Solo 10 anni fa questa barriera corallina è stata quasi completamente decimata dalla pesca intensiva con dinamite e cianuro, ma il successo di questo progetto di restauro, oggi attira turisti eco-consapevoli da tutto il mondo.
Il metodo Bio-Rock utilizza la tecnologia di accrescimento elettrolitico minerale, che tramite leggere scosse elettriche generate da energia alternativa come pannelli solari e turbine eoliche, inviano un impulso sottomarino per attirare i pesci e i coralli ad utilizzare la struttura come loro habitat.
Questa è l’unica zona di Bali dove non sono presenti correnti forti e con vaste aeree coperte di barriera corallina accessibile agli snorkelisti e ai subacquei.
Dall’anno 2000, il Bio Rock Pemuteran Bay ha installato più di 60 strutture per ripristinare la barriera corallina, attirando di nuovo le specie marine a popolare di nuovo i fondali di questa zona.
Per rendere la vacanza a Bali un po più sensibile alle tematiche ambientali, potete fare una visita guidata sottomarina oppure partecipare a un corso di Bio-Rock presso il Bali Dive Academy.
La Dea del Corallo è una presenza eterea creata da Celia, la fondatrice di Marine Foundation. La scultura è stata abissata dopo una elaborata cerimonia balinese che prevedeva l’ultilizzo di acqua santa per benedire la statua. Secondo la tradizione locale, l’acqua santa  dona alla Dea i poteri speciali di cui avrà bisogno per proteggere i mari e i suoi abitanti.

Motocicletta Deus, Gili Trawangan

Motocicletta Deus, Gili Trawangan

Le isole Gili sono una meta adatta per trascorrere una vacanza divertente e spensierata. Con questo spirito in mente, la Marine Foundation in collaborazione con la casa produttrice di motociclette personalizzate Deus, ha creato una nuova installazione sottomarina Bio-Rock per i coralli di Gili.
La moto Deos è stata fatta su misura nel “Tempio dell’Entusiamo” di Canggu  e trasportata fino alle Gili, dove è stata abissata a circa 5 metri di profondità.
Questa installazione è sotto la tutela di Gili Eco Trust, una ONG dedicata a preservare le fragili barriere coralline che circondano le isole Gili.
Le barriere di Gili sono sotto costante minaccia, a causa dei maggiori flussi turistici, inquinamento e altri fattori ambientali.

Il Drago Togu

 Il Drago Togu

Il Drago è stato commissionato dal Tugu Hotel di Lombok  per salvaguardare la barriera corallina. Il Drago è una figura mitologica che rappresenta la protezione.
Una piattaforma con pannelli solari galleggia al di sopra dell’installazione marina,  serve per alimentare l’impulso elettrico della scultura e per dare la possibilità a chi fa snorkeling di sostare e prendere il sole.
Lo sculture balinese Ketut Putrayasa, ha realizzato la testa del Drago, mentre il corpo è composto da barre metalliche che si contorgono in una forma maestosa dando vita ad una creatura mistica. A sua volta, le barre metalliche agiscono anche da habitat e dimora di alcune specie marine.

La Sirena Amed, Bali

La Sirena Amed, Bali

Fino al 1980, Amed vantava alcune delle barriere coralline più incontaminate di Bali, ma nel momento in cui i locali hanno iniziato a raccogliere il corallo per sostituirlo al cemento, è iniziato un veloce deterioramento.
Negli stessi anni sono state introdotte anche le reti per la pesca, e i pescatori, ignari dell’impatto ambientale, si sono dati da fare a rimuovere più corallo possibile in modo che le loro reti non ci rimanessere incagliate. Inutile dire che senza corallo, anche le loro reti rimanevano vuote senza pesce.
Un certo numero di installazioni sono state abissate in questa zona negli ultimi dieci anni, come ad esempio l’ufficio postale subacqueo nel 2011. Questi non sono stati ampiamente pubblicizzati e non hanno portato molte visite.
La Reef Check Indonesia, con l’utilizzo di opere d’arte si prefigge di attirare più visitatori in questi siti. La Sirena patrocinata da The Body Shop   è una delle attrazioni sottomarine di Bali. Un’opera d’arte dell’artista Wayan Winten, la Sirena è una delle più affascinanti installazioni marine progettate come reef artificiale.
A 10 metri di profondità, illumina le acque della Baia di Jemeluk. La  sua aurea splendente è stata creata utilizzando un cemento bianco con PH neutro.
La Sirena si trova a pochi metri dalla riva, quindi facile da raggiungere anche per coloro che fanno snorkeling.

michela@naturalis-expeditions.com'
Sono una viaggiatrice appassionata di natura e culture asiatiche. Sono qui per raccontarvi i miei viaggi e esperienze in Asia.