Le Maschere Cinesi (Mianju)

Andiamo a scoprire insieme curiosità e credenze di questi bellissimi oggetti antichi e misteriosi

Le maschere hanno sempre fatto parte della cultura cinese. Le prime maschere apparirono durante lo Shang and Zhou, circa 3,500 anni fa come importante elemento di shamanismo.

machere-2

Durante le funzioni religiose dove si chiedeva a Dio di portare via pestilenze o durante le danze di esorcismo e a tanti altri rituali shamanici non potevano avvenire senza indossare maschere. Anche oggi le maschere vengono indossate durante rituali, matrimoni e funerali da 40 gruppi etnici che vivono in circa 20 province e regioni autonome della Cina.
Le maschere sono sicuramente un veicolo di ricchezza storica e culturale.

maschere-3Esse sono generalmente fatte in legno da indossare in faccia o in testa. Sono decorate con immagini di persone, fantasmi, demoni e animali , ciascuna di esse con il loro significato.
Le maschere Cinesi sono suddivise nelle seguenti categorie:

Maschere dei danzatori di esorcismi
Queste venivano usate durante cerimonie di sacrifici religiosi che avvenivano tra minoranze etniche, con lo scopo di allontanare i fantasmi, le pestilenze dai loro raccolti e dalle loro case.

Maschere dei Festival
Venivano indossate quando insieme ai danzatori di esorcismi celebravano festival, con lo scopo di auspicare loro lunga vita, abbondanti raccolti e tenere lontani gli spiriti cattivi. Venivano inoltre usate durante i matrimoni.maschere-1

Maschere per i nuovi nati
Usate quando membri della società partecipavano ad eventi speciali come la nascita di un nuovo membro della famiglia.

Maschere per tenere la casa al sicuro
Sono le stesse maschere usate dai danzatori di esorcismi, non indossate ma appese sui muri delle abitazioni con lo scopo di proteggerle dagli spiriti maligni.

Maschere per spettacoli teatrali
In moltissimi spettacoli teatrali ancora oggi vengono usate maschere, strumento importante che rappresentano caratteri e personalità. Questo è anche il motivo per cui hanno un importante valore artistico e culturale.

Ho amato l’Asia subito, dal momento in cui ci ho messo piede per la prima volta. Dopodiche’ e’ stato un viaggio continuo, senza soste. Adesso ci vivo e il viaggio continua alla ricerca di nuove esperienze che amo condividere con voi.