La Colonia Penale di Iwahig

Andiamo a scoprire insieme perchè Iwahig di Palawan è un istituto penitenziario unico al mondo.

Lungo la strada che conduce da Puerto Princesa al piccolo villaggio di Iwahig, c’è un’insegna per indicare che vi trovate all’interno della Colonia Penale di Iwahig, vi sembrerà surreale considerando che siete in aperta campagna con montagne verdeggianti all’orizzonte.
Strano ma vero, siete proprio finiti in un istituto penitenziario la cui caratteristica che lo rende unico al mondo è l’assenza di barriere o muri di cemento per contenere la fuga dei detenuti, ma appena una recinzione per delineare il confine.

Colonia Penale di Iwahig,

La Colonia Penale di Iwahig è una vera e propria azienda agricola e nonostante le misure di sicurezza quasi inesistenti, i tentativi di fuga sono relativamente rari; meno di uno l’anno.
Ciò può essere dovuto al fatto che ai detenuti viene data la possibilità di lavorare e di vivere in un alloggio con la propria famiglia. Coloro che non hanno qualifiche possono specializzarsi in un settore tra cui l’agricolutura, la pesca, l’artigianato e la carpenteria.
Questo permette al governo di recuperare le spese per mantenere i detenuti e una volta detratte tutte le spese, il rimanente viene destinato al detenuto.
Un sistema basato sulla meritocrazia dove il recupero del detenuto gioca un ruolo molto importante. Infatti, succede spesso che molti detenuti una volta usciti dal carcere, sono senza soldi, senza lavoro e senza famiglia, quindi tornano a fare i criminali per sopravvivere. La prigione di Iwahig si prefigge di insegnare ai detenuti a lavorare al fine di potersi mantenere in modo autonomo legalmente.

Sport a Iwahig

All’interno della colonia penale vedrete molti detenuti che si muovono in libertà da un edificio all’altro e che camminano lungo le strade che portano alle coltivazioni.  Tutti indossano una t-shirt il cui colore varia in base al livello di sicurezza; dalla minima sicurezza per coloro che hanno commesso piccoli crimini, a medio fino alla massima sicurezza.

Chiesa

La sala ricreativa, situata in un edifcio storico nella zona centrale della colonia penale è il luogo dove i detenuti espongono le loro creazioni artiginali e vendono souvenir ai turisti. Talvolta si cimentano anche in balletti coreografici per intrattenere i visitatori.
All’interno della Colonia Penale di Iwahig ci sono molti edifici, tra cui le case dei detenuti, negozi, un ospedale e un edificio riservato ai detenuti di massima sicurezza.

Sala Ricreativa

 

Sala Ricreativa ingresso

Vedrete molti detenuti che lavorano nelle coltivazioni e vi faranno il saluto militare al vostro passaggio, famiglie con bambini e venditori ambulanti che si recano nella prigione per vendere il pesce ai detenuti. Il tutto appare molto tranquillo e rilassato, sembra proprio un tipico villaggio nelle campagne Filippine, tanto da farvi dimenticare che in realtà siete all’interno di una prigione.

Dipinto artistico

 

Lavori di artigianato

Durante la mia visita ho provato ad intrattenere una conversazione con alcuni detenuti, ma evidentemente le regole per loro sono molto strette e non possono intrattenersi troppo a lungo a parlare con i turisti.
Uno di loro proveniente dalla provincia di Luzon mi ha spiegato che è stato condannato al carcere a vita, e prima di approdare a Iwahig è passato da altre prigioni dure e pericolose come quella di Manila. Credo che per alcuni di loro, la Colonia Penale di Iwahig sia una sorta di promozione per essersi comportati bene.

Edificio per i detenuti di massima sicurezza

La Colonia Penale di Iwahig che si estende per 45,000 ettari di terreno nell’isola di Palawan nelle Filippine, fu istituita durante l’occupazione americana. Tuttavia, molto prima degli americani, durante il regime spagnolo, la città di Puerto Princesa era già il luogo in cui venivano inviati i detenuti in esilio. Solo nel 1904, l’esercito americano selezionò la zona di Iwahig per la costruzione dell’istiuto correttivo dove venivano inviati i detenuti che non potevano essere accomodati nel carcere di Manila per motivi di spazio.

All’inizio, l’insediamento non ebbe un grande successo per via dei frequenti tentativi di fuga, ma nel 1906 sotto la sovraintendenza del colonello John R. White del Philippine Constabulary le cose cambiarono grazie al sistema di meritocrazia ideato per motivare  i detenuti, dandogli la possibilità di lavorare e guadagnare qualcosa per mantenere la famiglia.

Coltivazioni di riso a Iwahig

I turisti sono benvenuti a visitare la Colonia Penale di Iwahig anche se è scoraggiato l’uso della macchina fotografica per foto ai detenuti.
La Colonia Penale di Iwahig che si trova a circa 30 minuti di strada dal centro di Puerto Princesa è raggiungibile in triciclo (costo circa 400 pesos). Non ci sono quote d’ingresso  da pagare  ma è richiesta la registrazione presso l’ingresso.  E’ una delle attrazioni che vengono visitate nel city tour di Puerto Princesa e potete recarvi con pullimo e guida.

michela@naturalis-expeditions.com'
Sono una viaggiatrice appassionata di natura e culture asiatiche. Sono qui per raccontarvi i miei viaggi e esperienze in Asia.