I paesi meno accoglienti per i turisti

Quali sono i paesi più scortesi? Ecco cosa è venuto fuori da una recente ricerca di Skyscanner.

Una ricerca del sito di viaggi Skyscanner, è stata recentemente pubblicata con una lista dei paesi meno accoglienti per i turisti. Questi dati hanno evidenziato come in certi paesi, il sorriso e la cortesia si limita solo ai loro video promozionali dei vari Enti del Turismo.
Il risultato prende come campione 34 paesi e si basa su un sondaggio online di Skyscanner, che ha ricevuto oltre 1.200 risposte provenienti da Europa, Nord America e Australia.

copertina

La Francia, campione  assoluto di maleducazione

La Belle France, è stata dichiarata il campione di maleducazione, ottenendo quasi il 20 per cento del totale dei voti.
I francesi sono noti per “la loro natura brusca e intollerante”, soprattutto di fronte ai turisti stranieri.
La Russia è al secondo posto con il 16,6 per cento dei voti, seguita dal Regno Unito (10,4 per cento), Germania (9,93 per cento).
Cina (4,3 per cento), al sesto posto nella lista, è il leader per il continente Asiatico.

vive-la-france

Le barriere linguistiche e le differenze culturali sono le cause principali

Gli esperti di galateo sottolineano che le barriere linguistiche e le differenze culturali sono le due principali cause che hanno portato ad avere questa classifica .
I francesi sono molto protettivi della loro lingua , ed i clienti possono ottenere risposte diverse se scelgono di ordinare un piatto al ristornate in francese o in un’altra lingua.
Altro elemento fondamentale è  la differenza culturale, in particolare quando si ha a che fare con turisti Asiatici.

Ecco i 10 paesi più scortesi sulla lista di Skyscanner:

  1. Francia
  2. Russia
  3. Regno Unito
  4. Germania
  5. Altri
  6. Cina
  7. Stati Uniti
  8. Spagna
  9. Italia
  10. Polonia

I paesi che sono stati votati come meno scortesi sono:

  1. Giappone
  2. Danimarca
  3. Canada
  4. Nuova Zelanda
  5. Indonesia
  6. Portogallo
  7. Thaiandia
  8. Filippine
  9. Caraibi
  10. Brasile
Ho amato l’Asia subito, dal momento in cui ci ho messo piede per la prima volta. Dopodiche’ e’ stato un viaggio continuo, senza soste. Adesso ci vivo e il viaggio continua alla ricerca di nuove esperienze che amo condividere con voi.