I 13 luoghi più inquietanti ďAsia

Cercate una vacanza da brivido in Asia? In questi posti la presenza del paranormale è praticamente garantita.

L’Asia è uno dei continenti più affascinanti e sicuramente il più spirituale. Le popolazioni in Asia ancora oggi, sono molto legate alle tradizioni e alle superstizioni, e la presenza degli spiriti in certi luoghi, fa parte della normalità. Ci sono tuttavia dei luoghi “famosi” in Asia dove la presenza del paranormale è particolarmente sentita. Noi ne abbiamo selezionati solo 13, ma in realtà il numero è quasi infinito.

Dall’India al Giappone, passando per la Thailandia, l’Indonesia e Malesia… vi portiamo con noi a conoscere i 13 luoghi più inquietanti d’Asia..

Il Vecchio Ospedale Changi – Singapore

old changi hospital

Il vecchio ospedale Changi di Singapore è uno degli edifici più terrificanti del mondo con una forte presenza di paranormale. L’ospedale, che fu costruito dai britannici nel 1935, venne occupato dall’esercito giapponese durante la seconda guerra mondiale. Durante gli anni dell’occupazione giapponese, l’edificio venne utilizzato come un campo di concentramento dove la polizia segreta giapponese, effettuava agghiaccianti torture ai prigionieri. Con la fine della guerra tornò ad essere di nuovo un ospedale, ma venne chiuso nel 1997 e i pazienti furono spostanti nel nuovo Opsedale Generale. Da quel momento l’edificio è rimasto abbandonato e coloro che sono riusciti ad addentrarsi di notte, hanno riferito di aver udito urla disperate e visto delle paurose ombre nei reparti che venivano utilizzati come camere di tortura. Il vecchio Changi continua a essere affetto dalla maledizione, anche nel 2006 quando fu acquistato dalla Bestway Properties, per convertirlo in un lussuoso spa-resort. Il progetto fallì prima di iniziare e l’interà proprietà fu restituita allo stato.

Il Forte di Bhangarh – Rajasthan, India

BHANGARH

Il Forte di Bhangarh fu costruito nel 1573 dal Raja Bhagwant Das, come residenza del  secondogenito Madhoo Singh, ma fu abbandonato subito dopo la costruzione e presumibilmente dopo che fu maledetto da uno stregone praticante di magia nera.
Gli abitanti dei villaggi locali dicono che ogni volta che costruiscono una nuova casa, crolla il tetto ed è impossibile costruire edifici nuovi. Raccontano anche che tutti coloro che sono rimasti nel forte dopo il tramonto non hanno fatto mai più ritorno.
Un inquietante cartello dell’ Archaeological Survey of India appeso fuori dal Forte, giustifica in un certo senso la presenza di una forza ultra terrena : “ E’ severamente vietato entrare dopo il tramonto”.

La Città di Pontianak – Borneo, Indonesia

Pontianak

Una misteriosa città indonesiana che sorge direttamente sulla linea dell’equatore, ha preso il nome dalla donna vampiro che nel linguaggio locale è chiamata “Pontianak”. Il vampiro di Pontianak è lo spirito di una donna morta durante il parto, che vaga di notte per uccidere gli uomini e aprire le pancie delle donne incinte per mangiarsi i loro bambini.
La leggenda racconta che il primo sultano che si insediò in questa zona nel 1771, fu il primo ad essere perseguitato da queste creature terrificanti che vivevano in prossimità del fiume. Con il passare degli anni, Pontianak ha mantenuto quell’aspetto lugubre e tenebroso tipico di una città fantasma. Al giorno d’oggi, è una città moderna con edifici nuovi, ma nonostante il suo aspetto sia cambiato, qualche abitante ritiene che alcune zone siano sempre infestate delle terrificanti vampiresse.

La Foresta di Aokigahara – Giappone

Aokigahara

Ai confini del monte Fuji in Giappone, la foresta di Aokigahara è un luogo tenebroso e sinistro, conosciuto anche con il nome “mare di alberi” . Anche se dall’esterno sembra un boschetto tranquillo, all’interno lo scenario è completamente diverso.
La foresta Aokigahara, luogo ideale per impostare un film di orrore, è diventata famosa come meta preferita di tutti coloro che si vogliono suicidare. E secondo la tradizione giapponese, chi perde la vita in un modo considerato “innaturale”, sarà condannato a restare sulla terra sotto forma di spirito errante.
Coloro che decidono di esplorare la foresta in cerca di brividi, potranno anche imbattersi in cadaveri che non sono stati ancora rinvenuti, spesso impiccati agli alberi e in vari stati di decomposizione.

Il Castello di Kellie –  Malesia

Kellie castle

E’ difficile credere che ci sia un vecchio castello scozzese nel cuore della campagna malese. Il castello esiste veramente e fu fatto costruire da William Kellie Smith, un ricco scozzese che fece fortuna con le piantagioni di gomma nella zona di Ipoh in Perak. La costruzione del castello non fu mai completata, la seconda guerra mondiale rallentò i lavori e William morì di polmonite durante un viaggio a Lisbona. Anche se l’edificio è diventato un’attrazione per i turisti che si trovano di passaggio in questa zona, il luogo è ancora avvolto nel mistero e molti ritengono che sia infestato dai fantasmi della famiglia Kellie Smith.
Lo spirito di William è stato avvistato mentre camminava nei corridoi, mentre la moglie in camicia da notte, è stata vista nella sua camera da letto.Oltre al mistero dei fantasmi, alcuni ritengono che il castello possegga delle stanze nascoste e cunicoli sotterranei segreti.

La Casa Stregata di Wan Chai – Hong Kong

Nam_Koo_Terrace

La famiglia “To”, erano dei ricchi mercanti di Shanghai che costruirono la loro residenza Nam Koo Terrace nel cuore di Hong Kong nel 1921. A seguito dell’occupazione giapponese, la famiglia To, fu costretta a lasciare la casa che fu convertita in un bordello, dove i militari giapponesi stupravano, torturavano e infine uccidevano le vittime.
Dalla fine della guerra fino a oggi, la casa è rimasta in stato di abbandono ed è diventata popolare per essere la casa stregata del distretto di Wan Chai. I pochi coraggiosi che sono riusciti ad entrare nella casa si sono trovati davanti a misteriose palle di fuoco e hanno udito grida disperate.
La storia più spaventosa viene da un gruppo di adolescenti che per sfidare i fantasmi, si sono addentrati nella residenza di notte. Tre ragazze del gruppo sono state possedute dagli spiriti e improvvisamente diventate isteriche; fino a che sono state soccorse dalla polizia e portate in ospedale per essere sedate.

L’Isola di Koh Lipe – Thailandia

Lipe

L’isola di Lipe, con le sue spiagge da sogno e bagnata dalle acque cristalline del Mare delle Andamane,  è in realtà uno dei luoghi più infestati della Thailandia.  Prima del boom turistico, i nativi Chao-Le hanno vissuto sull’isola insieme ai loro spiriti e folletti chiamati nel dialetto locale “Ha-Too”. I Chao-Lo, che praticano il culto animisitico, prendono molto sul serio la faccenda degli spiriti e fanno di tutto per tenerli calmi offrendo dolcetti e bevande fresche alla fragola.
La cosa ancora più strana di Lipe è che anche i turisti stanno percependo la presenza di forze soprannaturali durante la loro vacanza sull’isola.

La Strada di Karak – Malesia

KARAK

La strada tortuosa che porta al popolare casinò di Genting Highlands è nota per una serie di avvistamenti di fantasmi.  Alcuni ritengono che la strada sia diventata infestata dai fantasmi dopo una serie di incidenti stradali mortali, mentre altri credono che si stata costruita su un antico cimitero degli aborigeni, Orang asli.  La strada Karak, è l’incubo degli automobilisti che devono viaggiare di notte. L’avvistamento più popolare è quello di una Volkswagen gialla che sembra comparire dal nulla e viaggia lentamente sulla corsia di sorpasso. Coloro che sorpassano questa vettura, giurano che è priva di conducente ed è spinta da una forza soprannaturale.
A parte le auto fantasma, le famigerate donne vampiro “Pontianak”, sono state viste volare sulla strada e alcune figure misteriose sono state avvistate mentre facevano l’autostop durante l’ora di mezzanotte.

Il Palazzo dalle Mille Porte -Indonesia

Lawang Sewu

Il Lawang Sewu, conosciuto come il Palazzo dalle Mille Porte, nel centro di Semarang, ha da sempre inquietato le persone del posto che addirittura si rifiutano di avventurarsi nei suoi pressi dopo il tramonto.
Un Palazzo in stile coloniale, che fu la sede della società ferroviaria olandese, fino alla seconda guerra mondiale quando fu preso dai giapponesi e convertito in una prigione dove centinai di olandesi e indonesiani vennero brutalmente uccisi.
Ci sono persone che hanno visto dei demoni senza testa vagare nei corridoi e il fantasma di una giovane donna olandese, che si suicidò nel palazzo per ragioni sconosciute.
Un film horror è stato girato nel palazzo e racconta la storia di un gruppo di adolescenti che sono rimasti intrappolati di notte e si sono trovati a dover fronteggiare i fantasmi.

L’ospedale Psichiatrico di Gonjiam – Corea del Sud

GONJIAM

La storia di questo ospedale psichiatrico abbandonato è la trama perfetta di un film dell’orrore. Secondo la legganda locale, i pazienti ricovertati in questo ospedale hanno iniziato a morire misteriosamente una decina di anni fa, costringendo così la sua chiusura.
Al giorno d’oggi, l’ospedale è un edificio abbandonato che mostra i resti inquietanti della sua vita precendente, quali inferriate arrugginite e vecchie sedie usate per le visite mediche.
L’opedale Psichiatrico Gonjiam è ritenuto uno dei luoghi più terrificanti della Corea del Sud insieme alla casa stregata di Youngdeok e il Neulbom Garden, un ex ristorante, dove si dice che si possono udire i rumori di qualcuno che lava i piatti in cucina.

La Città di Baguio – Filippine

BAGUIO

La città di Baguio si trova nell’isola di Luzon nel nord delle Filippine e a parte il clima fresco e le deliziose fragole, è il luogo più misterioso delle Filippine e sembra che diversi edifici siano infestati da presenze soprannaturali.
Il vecchio Diplomat Hotel, fu uno scenario orribile durante la seconda guerra mondiale dove vennero decapitati sacerdoti e suore. Gli ex dipendenti dell’hotel hanno riferito di aver visto fantasmi decapitati che camminavano nei corridoi portando le loro teste su dei vassoi. Anche i residenti della zona vicino all’hotel sostengono di aver sentito urla misteriose provenienti dall’hotel abbandonato.
Il campus degli insegnanti è un altro luogo infestato di Baguio, che spesso viene utilizzato per riunioni e seminari scolastici. I visitatori affermano di aver udito voci misteriose e visto strane ombre. La leggenda vuole che il campus sia stato costruito su un vecchio campo di battaglia e sembra che i guerrieri che hanno perso la vita qui non l’abbiano mai lasciato.

La Spiaggia di Pelabuhan Ratu -Indonesia

beach indonesia

Consigli per la moda in spiaggia: evitare il colore verde!
Questo è il colore preferito della Regina del Mare del Sud, che risucchierà nell’oceano tutti coloro che lo indosseranno. La regina Nyai Roro Kidul, si suicidò lanciandosi in mare da una scogliera. Da allora il suo fantasma vaga sulla spiaggia di Pelabuhan Ratu in cerca di vittime (vestite di verde) da sacrificare.
Pelabuhan Ratu, che tradotto significa “porto della regina” è un piccolo villaggio di pescatori e località di vacanza per surfisti e turisti provenienti da Jakarta. La spiaggia è circondata da foreste tropicali e si affaccia sul profondo e inisidioso Oceano Indiano.
Si ritene che l’Hotel Inna Samudra, davanti la spiaggia sia infestato di spiriti e la camera numero 308 sia riservata alla Regina.

Il Monte Everest – Nepal

Everest

Il Monte Everest nel corso degli anni ha causato molte vittime tra gli scalatori che hanno tentato di raggiungere la vetta più alta a 8.848 metri sopra il livello del mare.
In una delle prime spedizioni nel 1924, persero la vita George Mallory e Andrew Irvine. Il corpo di Mallory fu ritrovato durante una spedizione nel 1999 mentre quello di Irvine non fu mai recuperato.  Fino ad oggi si contano più di 200 morti, tanti dei quali sono stati lasciati dov’erano caduti, a causa delle difficoltà nel recuperarli. Queste casualità hanno reso il Monte Everest come uno dei luoghi più infestati d’Asia e molti scalatori sostengono di aver visto il fantasma di Irvine, la cui presenza incoraggia gli scalatori nei momenti di difficoltà.

Ho amato l’Asia subito, dal momento in cui ci ho messo piede per la prima volta. Dopodiche’ e’ stato un viaggio continuo, senza soste. Adesso ci vivo e il viaggio continua alla ricerca di nuove esperienze che amo condividere con voi.